II  noto  brand francese di vodka GREY GOOSE, ha incaricato il bartender dell’hotel Four Seasons di Milano #LucaAngeli di creare un cocktail che rappresentasse la propria vita e fosse dedicato alle persone di talento, appassionate e che hanno raggiunto il successo.

Questo cocktail rappresenta mecommenta Luca Angeli, “ho un forte legame a livello familiare con la Francia e quindi con GREY GOOSE; il drink ha un carattere elegante, ma allo stesso tempo è ricco e complesso, un po’ come i miei viaggi e le mie esperienze lavorative che mi hanno portato a spostarmi molto per l’Italia e a toccare vari paesi europei. Il tutto mantenendo un tocco locale con il territorio mediterraneo da dove sono partito”.

L’ATELIER GREY GOOSE ha quindi offerto all’interno del Giardino del Cinema Anteo, in anteprima il cocktail MY WAY.

Slow Drinking, consumo responsabile, dunque una degustazione anche più lenta e piacevole come un’arte,   un “assaporare e condividere”,  condividere la gioia del bere con qualcuno, potremmo dire che lo Slow Drinking è l’art-de-vivre accostata al consumo di bevande alcoliche, e che responsabilità è la parola-chiave per accedere a questa dimensione.+

Solo in questo modo il cocktail può diventare un’esperienza creativa ed attraente. La qualità del prodotto è inoltre fondamentale.

In GREY GOOSE  si sono usati ingredienti più pregiati, tutti provenienti dalla Francia: il morbido frumento invernale della Piccardia, “il granaio di Francia” e l’acqua della fonte Gensac-La-Pallue, che sgorga dopo un lento processo di filtraggio naturale attraverso il calcare.

Il master cellar François Thibault completa l’opera.

My Way

3,0 cl GREY GOOSE

1,0 cl Maraschino

2.0 cl Succo d’ananas

1,0 cl Sciroppo di Lampone

1 cl di succo di lime fresco

Foglia di basilico.

 

Preparazione: shakerati

Bicchiere: coppa cocktail

Print Friendly, PDF & Email

A proposito dell'autore

Esperienza decennale nel settore fashion, food, wellness, lifestyle Formazione e selezione di personale per aziende moda, hotellerie e ristorazione foodwriter e blogger

Post correlati